Ajax-loader
Loading...

Language
Delete

You can purchase coins now!
Manga Reborn's coin purchasing system is now fully functional.
Purchase coins from My Page and enjoy our wide selection of manga!

Capitolo 1 Primo contatto

Check translation for accuracy

This translation is ready for lettering

Project MUSE Novel 1 – Primo contatto

Pagina 1

Capitolo 1 Primo contatto

Torre di frontiera
Confine polacco-tedesco
5 Gennaio 1940

Willhelmina osservò con i suoi binocoli la fattoria che avevano d'avanti a loro. Cercando di ricordare la mappa che aveva studiato, i suoi occhi trovarono la strada. Seguendo quella strada verso sud, dietro ad una collina, individuò il convoglio, mentre percorreva quella strada sollevando colonne di polvere. Fece un breve conto, individuando dodici automezzi. Aumentando l'ingrandimento osservò molto attentamente il mezzo in testa al convoglio.

Willhelmina si mise a riflettere un secondo. Quei veicoli dall'design Americano erano prodotti in Germania su licenza della Opel. Willhelmina conosceva un poco quei mezzi, il gruppo Schwarzenberg era un sub-appaltatore della Opel, produceva componenti per quegli stessi veicoli. Si ricordava che una volta, insieme al padre, avevano visitato uno stabilimento della Opel...

Scrollandosi di dosso quel ricordo, utilizzò la radio "Adda, Hildy, sembra che le informazioni fossero corrette. Il convoglio è in orario. Seguiremo il piano come stabilito.
Al mio comando: Uno...Due...Tre...Quattro...Ora!

Con una precisione incredibile i tre Messerschmidt JagerLuftritter 109A si gettarono in picchiata contro il convoglio Muovendosi con precisione letale, i due grandi motori a gondola delle agili JagerLuftritter ruotarono all'improvviso. Il rombo dei motori e il soffio del vento crearono un muro di suono impenetrabile mentre i tre velivoli acquistavano velocità. L'odore della benzina per velivoli B4 riempì le narici di Willhelmina mentre si precipitava verso il suolo.

All'improvviso, la ragazza dai capelli castani di fianco a Willhelmina sterzò verso destra con un angolazione molto marcata, i motori che venivano fatti girare in perfetta armonia con i suoi comandi. Adawolfa piombò al fianco del convoglio in pochi istanti, facendo fuoco con i suoi letali cannoni da 20 millimetri, trasformando il veicolo in coda in una enorme palla di fuoco.

Willhelmina, che doveva attaccare pochi secondi dopo Adawolfa emerse dal sole per distruggere il veicolo di testa, questo si disintegrò non appena fu colpito da una bordata di proiettili esplosivi anti-carro da 20 millimetri.

Il convoglio che era ora impossibilitato a muoversi, si fermò del tutto. Soldati iniziarono a scendere dai restanti veicoli.

Pagina 2

Mentre Willhelmina iniziava a svoltare per un alto passaggio, parlò alla sua altra compagna: "Hildy, tocca a te, ma sta attenta, sanno che siamo qui!"

"Ricevuto!" rispose con entusiasmo la sua compagna dai capelli biondi.

Adalwolfa disse tranquillamente "Non siamo Inglesi Brunhilde, dovresti dire verstanden alla radio."

Il terzo JagerLuftritter caricò contro il convoglio, come un predatore affamato della preda. Seguendo la strada Brunhilde colpì il convoglio con micidiale precisione, i suoi occhi individuarono rapidamente i bersagli per i suoi MG34 mentre vomitavano bordate micidiali. Uno dopo l'altro tutti i bersagli vennero distrutti sotto i colpi dei suoi cannoni da 7,95 millimetri.

Le truppe a terra, che cercavano di riorganizzarsi iniziarono a rispondere al fuoco. Un soldato sollevo un oggetto di forma cilindrica sulle spalle, lanciando un missile anti-velivolo contro Brunhilde. Il razzo iniziò ad inseguirla mentre passava oltre il convoglio , accelerando sempre di più producendo una scia di fumo.

"Hildy, hai un razzo alle tue ore sei!" Willhelmina urlò alla radio.

Senza rispondere, Brunhilde reagì, facendo cabrare violentemente il proprio Luftritter. I motori del suo velivolo urlarono dallo sforzo, mentre saliva sempre più in alto ma rallentando.
Seguì un lunghissimo secondo per Willhelmina quando sembrò che velivolo e missile divennero un tutt'uno. Brunhilde roteò in modo innaturale, voltando la fusoliera verso il missile e sparandogli contro. Willhelmina trattenne il fiato quando vide la propria compagna avvolta dalle fiamme del missile, pochi secondi dopo Brunhilde emerse dal fumo, con un sorriso da orecchio a orecchio, gesticolando verso Wilhelmina.

"Brunhilde! Disse con tono furioso Wilhelmina "Devi smetterla di essere così incosciente!".

Brunhilde, sorpresa dal rimprovero di Wilhelmina, rispose in tono basso con uno "verstander", unendosi lentamente verso il suo gruppo.

Adalwolfa passò una seconda volta sul convoglio, sbarazzandosi del soldato col lanciarazzi. Volteggiò sopra il convoglio e sguainò il suo fucile d'assalto Mauser 98K, pronta per togliere di mezzo eventuali sopravvissuti. Il nemico era quietato, Adalwolfa invece iniziò a parlare "Era un Immelman da manuale, ma nella parte finale si è spostata all'indietro", poi con un espressione impassibile disse "Non credo nemmeno ci sia un nome per quella manovra".

Leggermente irritata, Wilhelmina si schiarì la voce.

Pagina 3

Come se nulla fosse, Adalwolfa continuò la sua analisi "Ha cabrato per dissipare la velocità del suo mezzo e poi ha virato per poter abbattere il missile che si avvicinava, una manovra incredibile a pensarci...una manovra che richiede calcoli molto complessi".

Brunhilde si intromise nella spiegazione "A dire il vero, me la sono inventata sul momento. Lessi dell'Immelman in un romanzo che parlava di un pilota Inglese abbattuto durante la guerra civile Russa..."

Wilhelmina si schiarì di nuovo la voce.

Brunhilde si rabbuio quando vide il volto di di Wilhemina.

Wilhemina decise però di tranquillizzarsi e cercò di impartire i suoi ordini in modo calmo "Hildy, copri Ada mentre controlla tra i rottami, capito?

Con un lieve sorriso , Brunhilde rispose con un "verstanden".

Brunhilde e Adalwolfa parcheggiarono le loro Luftritter sulla strada, accanto ai detriti del mezzo che era in testa al convoglio Adalwolfa usò la sua Mauser, mentre Hildy imbracciava un mitra MP-38.
Entrambe smossero i vari detriti del convoglio, Brunhilde analizzò attentamente le varie carcasse mentre Ada continuava a muoversi.

Wilhelmina invece stava osservando il cielo sopra di lei, "Ada, lo stato del convoglio? Segni del nemico?"

Tenendo ben stretto il suo fucile, Adalwolfa osservò i detriti con ancora più attenzione. Ada, si avvicinò al corpo di un soldato, le parti metalliche e plastiche erano visibili tra l'uniforme. Mentre passava tra i corpi, altri detriti erano sparsi per la strada.

"Come da rapporto, questi soldati erano solo macchine". Non sembrano esserci guidatori o soldati umani" disse Adalwolfa.

Stazione radar B-1121
Confine Polacco-Tedesco.

Felicia lottava per rimanere sveglia, ingurgitando ancora un altra tazza di tè bollente. Il tè la faceva rimanere sveglia, ma ora si era accorta che doveva andare al bagno. Mentre continuava a fissare lo schermo radar, ora dopo ora era un attività dall'effetto intorpidente, ma decise che il bisogno di andare al bagno l'avrebbe aiutata a far passare delle ore. Felicia non voleva poltrire, era determinata a fare il proprio dovere.
Aveva dei parenti che erano stati feriti durante l'attacco della torre contro Berlino, giurò che avrebbe fatto tutto il possibile

Pagina 4

per tornare alla Torre. Per settimane c'erano stati dei movimenti nella sua zona. Ogni giorno osservava sempre la stessa schermata, le stesse righe. Ogni tanto vedeva delle forme per alcuni secondi, ma oggi c'era il solito nulla che danzava sullo schermo. Fortunatamente era riuscita a non addormentarsi nel suo turno.
Improvvisamente un singolo segnale apparve sullo schermo, diventava sempre più forte, sempre di più. Si sfregò gli occhi ma assicurarsi che non se lo stessi immaginando. Un secondo dopo utilizzò un telefono diverso dal solito. La Torre era tornata attiva.

Luftflotte 1 Controllo della flotta aerea.
Berlino unione Tedesca.

"La stazione B1121 rileva un singolo oggetto che si avvicina alla squadriglia sperimentale Schwarzenberg"
"Preparate la Jagdgeshwader 20 all'intercettazione."

Una donna in uniforme della luftwaffe ausiliaria Tedesca mise un segnalino "Oggetto sconosciuto" su una gigantesca mappa al centro di una stanza. Una donna con un bastone spinse il segnalino in avanti. Un insegna elettrica mostrava lo stato della JG20 su "All'intercettazione".

Aeroporto di Doberitz
Vicino Berlino, Unione Tedesca.

La tranquillità del pomeriggio fu interrotta dal lamento della sirena d'allarme. I piloti che fino ad un momento prima riposavano, scattarono in piedi per poi dirigersi ai loro velivoli, le tazze di tè e giornali vennero dimenticati.

Hauptmann Hannes Trautloft, comandante del JG20, chiamò usando la radio nella cabina del suo Messerschmidt 109E3 "E' il JG20 che parla, rispondo alla richiesta di intercettazione. Quattordici velivoli sono pronti al decollo".

"Luftflotte 1 Comando di flotta a JG20, il bersaglio da intercettare è un velivolo di classe Torre. Rimanete in attesa fino a quando l'intero staffen non sia assemblato e pronto alla mobilitazione. JG1 è stato mobilitato.

Nota di traduzione: Uno staffen al completo è composto da dodici velivoli, il comando di flotta voleva quindi mobilitare ventiquattro velivoli.

Pagina 5

Trautloft, cercò di mantenere la calma mentre si agitava nella pista di decollo.
"Comando flotta, se continuiamo ad aspettare, perderemo il nostro bersaglio. JG20 intercetterà il velivolo di classe Torre con lo squadrone Trautloft e Knopff".

Mentre ascoltava le comunicazioni, Willhelmina si intromise: "Comando flotta Luftflotte 1, squadrone Schwarzberg chiede il permesso di unirsi al JG20".

Trautloft non rispose a quella voce sconosciuta e aspettò la risposta del Comando di flotta "Squadrone sperimentale Schwarzberg, richiesta negata, ordine di ritorno alla base, i vostri ordini sono di ritornare alla base.

I quattordici Me109E3 del JG20 presero rapidamente il volo, in rotta di intercettazione verso il velivolo di classe Torre. Da lontane la torre sembrava innalzarsi in cielo fino a diventare invisibile all'occhio.

Trautloft mise mano alla radio "Comando di flotta, qui è il JG20. Siamo arrivati alle coordinate del bersaglio, aspetto conferma..."

Hauptmann Trautloft non riuscì a completare la richiesta mentre due caccia gli esplosero davanti alla faccia, apparve poi un velivolo che viaggiava ad una velocità incredibile.

"Rompere la formazione, rompere la formazione! Cabrate e poi riformate la linea, cercheremo di circondarlo!

I caccia del JG20 si sparpagliarono in ogni direzione, compiendo manovre e cabrando mentre il velivolo-Torre tornava alla carica, distruggendo un altro Me109E3 con una manovra velocissima.

"Hans, spostati a destra...di più! No!

"Aaaaaghhh!"

"Dov'è, dov'è? E' velocissimo!"

"Mi hanno colpito!, mi hanno colpito! Mi sgancio, devo sganciarmi, mi spiace signore!"

"Bersaglio colpito! Bersaglio compito! Nessun danno apparente!"

"E' un mostro!"

Willhelmina individuò un pilota che atterrava con un paracadute con i suo cannochiale Si girò verso le sue compagne e disse: "Forza ragazze, abbiamo ancora del lavoro da fare oggi." Detto questo le tre Valchirie presero il volo.

Comment

There are no comments

Indicator

Areas to Check

Second opinion needed.

Translator
Thumb68
Callahan
Rank InternationalTranslator
Translate From English
Translate to Italian
Help
  • There are no Articles
List